Il carico mentale delle donne

Eva

Noi donne siamo multitasking, facciamo 100 cose insieme, siamo capaci di adattarci ad ogni situazione, e quando diventiamo mamme questa capacità si moltiplica per 10.

Facciamo tutto.  Per scelta e non solo.

Lavoriamo.

Ci occupiamo dei figli.

Della casa.

E di tante altre cose.

Malgrado i nostri compagni / mariti di oggi, siano attivi nelle faccende, si occupino dei figli, ci sentiamo sopraffatte e riusciamo a sentirci anche in colpa quando non riusciamo a fare tutto quello che vorremmo.

Perché in confronto ai nostri compagni / mariti non smettiamo mai di pensare, abbiamo un carico mentale che manderebbe fuori di testa qualsiasi uomo!

Malgrado questo peso non smettiamo mai di fare programmi, di fare elenchi e liste di cose da fare. Pensiamo sempre: mentre ci laviamo, mentre ci riposiamo, mentre guidiamo, mentre i nostri figli ci raccontano la giornata, e addirittura capita di pensare anche quando facciamo l’amore! Non negate, è successo anche a voi!

Io voglio dire basta! Prendiamo una pausa da questo super potere!

Prendiamo il tempo di fermarci e di fare le cose una alla volta.

Smettiamo di correre sempre.

Almeno proviamoci.

Dobbiamo prendere coscienza che questo peso è dovuto al nostro senso del controllo. In questo modo sentiamo di avere il controllo su tutto. Ci occupiamo di tutto perché questo ci fa sentire delle Super Donne. E’ questa cosa a stancarci. A lamentarci che facciamo tutto noi.

Impariamo a delegare di più, e a non dettare le regole, ma predisporre una co-conduzione della vita di famiglia. Rinunciamo al controllo e facciamo posto anche al nostro compagno. Non teniamolo fuori dalle scelte, anche quando sono banali: questo ci aiuterà a scaricarci della nostra carica mentale e a renderlo partecipe dei nostri dubbi / pensieri / scelte.

Inoltre impariamo a non criticare il lavoro svolto da loro, questo fa sempre parte della mania del controllo e della carica mentale.  Impariamo a non criticare quando il suo metodo non ci piace (ovvio: noi lo faremo meglio ma smettiamo di dirlo), e ad accettare altri metodi. Ricordiamoci che non siamo il CEO della famiglia, o il comandate e lui il nostro co-pilota.

Lasciamolo guidare con noi.

Impariamo a condividere.

Lo so che non è facile, siamo donne, e questa cosa di controllare tutto è nel nostro DNA, ma per il nostro bene e per non rischiare un burn-out proviamoci!

Da oggi ci proverò anch’io promesso.

E voi siete più del tipo mostro del controllo o avete già imparato a condividere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...